Dal diario di Amorma – dal fato alla libertà

INTRODUZIONE

Dopo aver riconosciuto di avere vissuto per anni situazioni, azioni e reazioni cicliche, sia nella quotidianità pratica, nella fisicità, che nell’emotività, ho deciso di affrontare me stessa. Mi sono inizialmente rivolta alla psicoterapia; successivamente ho consultato uno psichiatra, utilizzando anche farmaci. Il risultato è stato

un benessere momentaneo che mi illudeva con soluzioni rapide e stabili. In realtà, stavo solo applicando un tampone che, una volta rimosso, mi faceva ricadere in un oblio nero sempre più profondo. Per molto tempo mi è stato suggerito un metodo alternativo per affrontare ciò che si era calcificato dentro di me, lasciando la mia anima nell’oscurità.  L’aiuto concreto consisteva nel distaccarsi dal karma depotenziante. Poiché a volte la parola karma suscita timori e incredulità, posso semplicemente affermare che si tratta di sapere lasciare andare vecchi fardelli, convinzioni e modi di fare. Per il giorno del mio compleanno mi sono regalata il kick-off di un percorso che, ad oggi, riconosco come un cambiamento radicale, ancora in corso e che prevedo continuerà.

Inizio col raccontarvi che sono nata sottopeso e ho continuato a esserlo nei primi sei anni della mia vita. Mangiare diventava un problema per la mia famiglia poiché io mi rifiutavo. Tra i sei e i dodici anni, ho vissuto un periodo di moderato sovrappeso, che tuttavia creava disagio in una famiglia di “persone magre”. Mi veniva imposto di limitare il consumo di zuccheri e cibo spazzatura, e più mi veniva proibito, più cercavo di consumarlo di nascosto. Nonostante queste restrizioni, durante i pasti principali in famiglia, l’alimentazione rimaneva ricca di grassi e abbondante. Dai 17 anni in poi, ho continuato ad alternare periodi di importante sovrappeso a momenti di dimagrimento estremo, raggiunti solo attraverso diete severe e sfiancanti, rinunce e privazioni.

Nei brevi racconti che seguiranno nel tempo, vorrei condividere la mia esperienza personale di trasformazione interiore e come continui ad influenzare il mio rapporto con il cibo e il peso corporeo.

Soprattutto, desidero essere un’ispirazione e un sostegno per coloro che da tempo combattono con il loro peso corporeo, senza ancora trovare una soluzione duratura nel tempo.

Vi saluto, al prossimo capitolo.

0 Comments

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>